Casella di testo: Cc

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

      

  

 

 

 

 

Casella di testo: “Se c'è sulla terra e fra tutti i nulla qualcosa da adorare, se esiste qualcosa di santo, di puro, di sublime, qualcosa che assecondi questo smisurato desiderio dell'infinito e del vago che chiamano anima, questa è l'arte”.
Gustave Flaubert
Casella di testo: Associazione Culturale EOS
Casella di testo: Via S. Grattoni 1, 00185 Roma  tel. 0039 06 86907230, 0039 349 6732734

Conferenze e corsi

Casella di testo: Tutti i diritti riservati © Associazione Culturale EOS

Partita IVA: 09012861002 - Codice Fiscale: 97407500582     

Casella di testo: LA MUSICA A ROMA ATTRAVERSO I SECOLI
Prof. Luca Della Libera
Musicologo

La musica nel Cinquecento, Venerdì 11 gennaio ore 18.00-20.00
La musica nel Seicento, Venerdì 18 gennaio ore 18.00-20.00
La musica nel Settecento, Venerdì 25 gennaio ore 18.00-20.00
La musica nell’Ottocento, Mercoledì 30 gennaio ore 18.00-20.00
La musica nel Novecento, Giovedì 14 febbraio ore 18.00-20.00

Le cinque lezioni si terranno presso la Sala conferenze Associazione Culturale Sinopie, Piazza Margana 39, Roma

Cinque incontri per raccontare le musiche, le vicende, i protagonisti della scena musicale romana arricchiti da numerosi ascolti musicali.
Roma ha avuto per secoli un ruolo di capitale dell’arte ma è stata nel contempo uno straordinario laboratorio di sperimentazione musicale grazie alla Chiesa ma anche grazie alle più importanti famiglie della nobiltà romana e all’attività di celebri teatri pubblici e privati. Un’attività notevolissima e frenetica che caratterizzò la scena musicale romana fin dal XVI secolo e che colpì molto Goethe durante il suo soggiorno nell’Urbe che gli fece esclamare: “Penso già con sgomento alla stagione teatrale. La settimana prossima si apriranno sette teatri”. Grandi protagonisti della storia della musica sono passati  per Roma, ci hanno vissuto, vi hanno lavorato trasformando la Città Eterna in un luogo dove la musica era amata e celebrata. 

Quota di partecipazione: 130 euro
Per iscrizioni scrivere a: eos@eoscultura.it
Il corso si svolgerà con un minimo di 15 partecipanti.
Casella di testo: STORIA DEL VETRO E DELLE VETRATE
Dott.ssa Roberta Bernabei
Storica dell’arte

Giovedì 22 novembre ore 17.30-19.30
Lezione
Mercoledì 28 novembre ore 17.30-19.30
Lezione 
Giovedì 6 dicembre ore 17.00-18.30
Visita del laboratorio delle Vetrate d’Arte Giuliani 
Giovedì13 dicembre ore 16.30-18.00
Casina delle Civette, Villa Torlonia

Le due lezioni si terranno presso la 
Sala conferenze Associazione Culturale Sinopie, Piazza Margana 39, Roma

Ll vetro ha origini molto remote e ancora oggi è difficile stabilire con certezza quale popolo possa vantarne la scoperta, che probabilmente avvenne per invenzione fortuita. Questo materiale straordinario è stato utilizzato per creare oggetti raffinatissimi fin dall’Antichità e un’ulteriore spinta evolutiva nell’arte vetraria si ebbe con le Crociate grazie alle quali si trasferirono dall’Oriente all’Occidente molti segreti dell’arte lavorativa del vetro e la città di Venezia ne fu la maggiore beneficiaria. Il vetro fu usato nel Medioevo per realizzare straordinarie vetrate che inondarono di luce variopinta gli interni delle cattedrali gotiche. Fu poi con l’Art Nouveau che venne ripresa la tecnica della legatura a stagno e venne introdotto l’utilizzo di vetri opalescenti: l’uso della vetrata riprese così il suo cammino fino ad arrivare alle realizzazioni recenti che hanno reso l’arte della vetrata una straordinaria espressione della creatività contemporanea.  
Il corso è suddiviso in quattro appuntamenti, due lezioni nelle quali saranno proiettate molte immagini per attraversare l’arte del vetro attraverso i secoli, una lezione di illustrazione della tecnica della vetrata che si svolgerà presso il laboratorio delle Vetrate d’Arte Giuliani e una visita alla Casina delle Civette a Villa Torlonia, museo della vetrata (in biglietto d’ingresso è escluso dalla quota di partecipazione).

Quota di partecipazione: 85 euro
Per iscrizioni scrivere a: eos@eoscultura.it
Il corso si svolgerà con un minimo di 15 partecipanti.
Casella di testo: LEGGERE LE IMMAGINI. L’ICONOGRAFIA SACRA
Dott.ssa Roberta Bernabei
Storica dell’Arte

Sabato 19 gennaio ore 17.00-19.00
Sabato 26 gennaio ore 17.00-19.00
Sabato 2 febbraio ore 17.00-19.00
Sabato 9 febbraio ore 17.00-19.00
Sabato 16 febbraio ore 17.00-19.00 
Sabato 23 febbraio ore 17.00-19.00

Le sei lezioni si terranno presso la Sala conferenze Associazione Culturale Sinopie, Piazza Margana 39, Roma

L’iconografia nasce nell’Ottocento e risponde all’esigenza di un approccio storico e filologico per riconoscere e classificare i significati espressi nelle immagini. Fondamentale per la comprensione globale di un’opera d’arte è l’importanza della multidisciplinarietà. La lettura iconografica (ossia il riconoscimento del soggetto di un’immagine) presuppone la condivisione di un codice culturale ed espressivo comune tra l’artefice e i fruitori dell’opera d’arte, coloro che guardano l’immagine infatti, per comprenderla, devono condividere con chi l’ha prodotta delle convenzioni relative sia al contenuto (che deve essere noto almeno in modo elementare, ma i livelli di approfondimento del significato possono richiedere conoscenze anche molto sofisticate), sia alla forma (linguaggio formale, ossia il  modo di rendere quel contenuto). 
Le immagini sacre sono state veicoli di diffusione di concetti e significati, strumenti di comunicazione e persuasione ma anche opere d’arte con uno specifico valore artistico che però  non ne esaurisce il significato e la funzione. L’iconologia va oltre la lettura iconografica e l’identificazione del soggetto e ha come finalità l’interpretazione di una specifica immagine, ricostruendo il contesto in cui e per cui è nata, ricercando i significati simbolici reconditi e nascosti in un’opera d’arte.
Il corso intende partire da questo ambito di studi ed illustrare il linguaggio e i codici interpretativi delle immagini sacre dall’Alto Medioevo fino al XVIII secolo. 
Si illustreranno le fonti scritte e quelle grafiche per le immagini e le loro tipologie fondamentali, ovvero narrativa ed iconica, e si analizzeranno l’iconografia di Dio e quella di Cristo, l’iconografia dei santi, quella della Vergine e quella degli angeli, i concetti di ortodossia e decoro, per fornire gli strumenti adeguati per interpretare le immagini sacre e per saper leggere i quadri. 

Quota di partecipazione: 160 euro
Per iscrizioni scrivere a: eos@eoscultura.it
Il corso si svolgerà con un minimo di 15 partecipanti.
Casella di testo: STORIA DELLA MEDICINA A ROMA DALL’ANTICHITA’ AL XVIII SECOLO
Prof. Gian Carlo Mancini, Professore di Storia della Medicina all’Università di Tor Vergata

Venerdì 1 febbraio ore 17.30-19.30
lezione
Venerdì 8 febbraio ore 17.30-19.30, lezione
Venerdì 15 febbraio ore 17.30-19.30, lezione 
Venerdì 22 febbraio ore 16.30-17.30, 
Visita del Museo Storico dell'Arte Sanitaria, Ospedale di S. Spirito in Sassia

Le tre lezioni si terranno presso la Sala conferenze Associazione Culturale Sinopie, Piazza Margana 39, Roma

La medicina, l'arte della cura, chiamata anche “arte lunga”, ha per scopo la tutela della salute e le modalità per  recuperarla quando è perduta. La sua storia è antichissima, forse quanto l'uomo stesso, ed ha coinvolto - ieri come oggi  - la durata e la qualità della vita umana. Questo corso intende indagare nei fatti la storia di questa scienza raccontando i personaggi, i luoghi, le istituzioni (medici, ospedali, università) connessi con la sua lunga storia e raccontando le malattie, le paure, i tentativi e i grandi ideali ad essa connessi. Una storia che evidenzia gli affascinanti sviluppi della diagnostica, della chirurgia, dei trattamenti medici   seguendone le tappe fondamentali e raccontando le storie degli uomini e delle donne coinvolti nella straordinaria evoluzione di questa scienza.  

Quota di partecipazione: 90 euro
Per iscrizioni scrivere a: eos@eoscultura.it
Il corso si svolgerà con un minimo di 15 partecipanti.
Casella di testo: STORIA DELL’OREFICERIA E DEL GIOIELLO
Dott.ssa Roberta Bernabei
Storica dell’arte

Venerdì 1 marzo ore 17,30-19.30
Venerdì 8 marzo ore 17,30-19.30
Venerdì 15 marzo ore 17,30-19.30

Le tre lezioni si terranno presso la 
Sala conferenze Associazione Culturale Sinopie, Piazza Margana 39, Roma

Un affascinante viaggio nei segreti dei gioielli e della loro storia millenaria. 
Il corso affronta la storia dell’oreficeria e del gioiello nell'arco dei secoli, i suoi significati simbolico-allegorici, la fortuna delle mode, i più celebri esiti progettuali, tecnici ed estetici, gli stili nella storia di diverse civiltà. Si indagherà il raffronto tra le creazioni italiane e la realtà europea, si osserveranno le diverse influenze durante i secoli, per leggere il mondo delle arti orafe attraverso diverse esperienze tecniche e culturali. L'oreficeria, di cui si analizzeranno le più celebri creazioni, conobbe il suo massimo splendore e sviluppo a metà del XV secolo fino alla fine del XVII. Durante questi secoli la produzione di grandi maestri orafi divenne l'emblema non solo dell'aristocrazia ma anche della raffinatezza delle maggiori corti europee. Il corso si propone di ripercorrere la storia dell’arte orafa, le committenze, i progressi tecnici che contribuirono al successo di questo ambito della creatività. Si analizzeranno, attraverso la ricognizione storica dei manufatti e degli orafi che li hanno realizzati, le mode, le tendenze del gusto, le iconografie che resero celebre in tutto il mondo l’arte orafa italiana. 

Quota di partecipazione: 65 euro
Per iscrizioni scrivere a: eos@eoscultura.it
Il corso si svolgerà con un minimo di 15 partecipanti.